Softair: cosa sono le ottiche d’ingrandimento?

Per chi è profano in materia di softair e si sta affacciando per la prima volta in questo nobile gioco di ruolo, è essenziale conoscere alcune nozioni basilari legate all’utilizzo delle ASG (armi replica). Ogni “soldato” che partecipa alla sessione di gioco ha un ruolo preciso e una determinata arma in dotazione. Nel caso specifico dello sniper, ossia colui che ricopre il ruolo di cecchino, va fatto presente che utilizza una delle armi d’assalto più complesse e versatili. Si tratta di un fucile di precisione dotato di ottica d’ingrandimento collocata sopra la canna del fucile. Avere un’ottica installata sulla propria arma è sicuramente un valore aggiunto ma totalmente inefficace se non siete bravi ad utilizzarla, in quanto bisogna essere abbastanza esperti di statistiche e variabili riguardanti il vento, la distanza, la luce solare e la pressione atmosferica.

Differenti tipologie di ottiche

Sul mercato è possibile reperire vari tipi di ottiche con prezzi, marchi, e qualità differenti. Il problema sta proprio nel capire come scegliere quella che fa al caso vostro e quali sono i requisiti che una buona ottica deve necessariamente avere. Innanzitutto, bisogna puntare sull’estetica e poi sull’ingrandimento dell’ottica. Nelle varie descrizioni compaiono spesso delle sigle numeriche, ad esempio 3-9×32, che hanno un significato ben preciso. Il 3 e il 9 rappresentano gli ingrandimenti possibili. Nel nostro esempio, vuol dire che lo zoom dell’ottica oscilla da un ingrandimento di 3x (vale dire che un oggetto posizionato a una distanza di tre metri lo vedremo come se fosse a un  metro di distanza) fino a un massimo di 9x. Di solito, queste tipologie di ottiche sono dotate di una ghiera che, una volta ruotata, modifica la messa a fuoco e lo zoom. Il numero 32, invece, sta a significare la dimensione della lente posta davanti espressa nell’unità di misura dei millimetri. Maggiore è questo numero maggiore sarà la luminosità. Ad esempio, 4×28 vuol dire che siamo in presenza di un’ottica con un ingrandimento fisso di 4x che, quindi, non può essere modificato, mentre il 28 sta a significare l’ottica molta piccola e ridotta.

Un altro aspetto importante riguarda il peso. Un’ottica medio-lunga può arrivare anche a pesare mezzo chilo in quanto abbastanza robusta e progettata per non rompersi alla prima grattata contro un albero. A proposito di lunghezza, ci sono diverse misure tra cui poter scegliere che non influenzano le performance dell’arma. Forse, l’unica difficoltà si potrebbe riscontrare con un’ottica più lunga poiché, per un’ottima mira, bisognerebbe centrare la lente dentro con quella di uscita. Il settaggio chiaramente va eseguito sul campo a discrezione del giocatore. Riguardo la manutenzione, un buon consiglio è quello di evitare di aprire l’ottica, anche se vi capitano spiacevoli inconvenienti come infiltrazioni d’acqua o micro lesioni. L’interno dell’ottica è riempito con un gas particolare che non permette l’appannamento del vetro. In caso di apertura dell’ottica potreste imbattervi in brutte sorprese.

Considerazioni finali

Coloro che sistematicamente giocano al softair utilizzano ottiche d’ingrandimento dal 3 al 4x. Un ingrandimento maggiore non sarebbe funzionale al gioco a causa della scarsa gittata dei pallini e, quindi, permetterebbe solo una buona opportunità di spiare le linee nemiche a lunga distanza. Degne di nota sono anche le ottiche fisse a 4x con un prezzo contenuto e una qualità di tutto rispetto.

(Visited 4 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *