Piscine in vetroresina

piscine in vetroresina

Una soluzione elegante, moderna e premium per abbellire il proprio giardino sono le piscine in vetroresina, che consentono di ammirare il panorama circostante il proprio edificio anche… sott’acqua! Andando su www.avantgardepiscine.it avrete l’occasione di sfruttare al meglio la tecnologia e l’esperienza in bioedilizia del gruppo Avantgarde Construct nella realizzazione di una piscina all’ultima moda e sostenibile.

Le piscine in vetroresina

A differenza delle tradizionali piscine in cemento, che sono costruite direttamente sul luogo dove entreranno in funzione, le piscine in vetroresina sono costruite come enormi vasche monoblocco.

La vetroresina è un materiale di produzione industriale che si ottiene dalla combinazione di plastica e vetro. Leggero, resistente e solido questo è un materiale idoneo alla fabbricazione di prodotti costantemente esposti alle intemperie, come appunto le piscine.

La vetroresina, inoltre, non si deforma, resiste all’usura ed è anche semplicissimo nella pulizia: tutti fattori che combinati insieme rendono le piscine estremamente durature nel tempo. Sul mercato si trovano tante tipologie e forme di piscine, che si possono scegliere in base a budget e spazio.

Le migliori e più pratiche sono quelle rettangolari, perché la forma squadrata e regolare facilita i momenti di pulizia e inoltre rende più semplice trovare i modi di copertura giusti. Le piscine in vetroresina, dal momento che sono vasche monoblocco, non hanno bisogno del rivestimento in piastrelle e si trovano solitamente di colore azzurro (ma è possibile averle anche di altri colori).

Ancora, queste piscine hanno un sistema di filtraggio dell’acqua e contenitori per il cloro, da non inserire direttamente nell’acqua altrimenti se ne corrode la struttura.

Velocità d’installazione

Le piscine in vetroresina vengono installate molto più velocemente delle loro “colleghe” in cemento e piastrelle. La loro collocazione ha due modalità che comportano due diversi effetti a livello estetico: interrate o a vista.

Nel primo caso, quello delle piscine interrate, occorre effettuare degli scavi in modo da creare uno spazio nella terra che contenga la piscina. Il risultato estetico è ottimo: la piscina si integra nell’ambiente circostante, e con questa soluzione si può avere una vasca più profonda (ricordatevi che il perimetro della vasca va rivestito con materiale antiscivolo).

Le piscine a vista, invece, sono più piccole e ridotte e anche più adatte ai bambini. Questa tipologia richiede semplicemente il livellamento del terreno per far poggiare la vasca su una superficie piana e priva di pendenza. E per un effetto estetico ancora più bello, le piscine in vetroresina fuoriterra si possono rivestire con pannelli in legno.

Costi

Le piscine monoblocco in vetroresina sono molto meno costose delle piscine in cemento, visto che non prevedono più giorni di lavoro. È bene ricordare, però, che il costo varia sia in base al tipo di installazione e al modello scelto.

La scelta di interrarla richiede una maggiore spesa, per i costi degli scavi; le piscine fuori terra, invece, possono costare di più se si decide di rivestirle in legno. Comunque mediamente i prezzi delle piscine in vetroresina sono si 3.500 euro, per i modelli più semplici ed economici.

I costi aumentano se si va su vasche più grandi e profonde, lunghe più di 13 metri o con piani inclinati per avere “l’acqua alta” e “l’acqua bassa”. Stiamo parlando, infatti, di spese complessive anche di 20.000 euro, molto vicine a quello che richiede la costruzione di una piscina tradizionale.

(Visited 61 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *