Pergolati: storia e rivoluzione di un’invenzione unica

I pergolati sono un’invenzione antica. Creati per proteggersi dal caldo o per consentire un percorso coperto dalle aie alle abitazioni, specie in campagna, sono diventati nel corso degli anni un orpello estetico per le abitazioni. Nelle case rurali un pergolato era quasi d’obbligo, serviva a radunare la famiglia nelle serate di calura intensa, dopo il lavoro nei campi.

Con l’andare del tempo, le case di “campagna” delle famiglie più abbienti avevano i pergolati per le colazioni all’aperto, una specie di salotto naturale fuori dalle mura delle abitazioni. Insomma da ricovero campagnolo ad appendice di case ricche.

I tempi sono cambiati e i pergolati sono diventati pertinenze piuttosto comuni non solo laddove vi sia spazio esterno abbastanza ampio, ma anche dove lo spazio si riduce a semplice terrazza. Negli appartamenti cittadini, spezzo in condominio, è piacevole avere uno spazio all’aperto da poter sfruttare, da poter vivere ogni volta che si vuole e ciò è possibile con l’installazione di un pergolato.

Ma come possono essere realizzati i pergolati? Qual è il materiale più adatto

Sono vari i materiali che possono essere utilizzati per la creazione di pergolati sia in zone aperte sia su terrazze: alluminio, ferro, acciaio, legno, legno lamellare. Tutti materiali che vanno certificati e vanno trattati prima di essere utilizzati, ma tutti altrettanto validi per la realizzazione di una struttura di pergolato.

Ovviamente una struttura in alluminio richiede meno manutenzione di una struttura in legno. L’alluminio è un materiale ideale per la realizzazione di strutture esterne poiché è inalterabile, non è attaccabile da agenti atmosferici di alcun genere; è abbastanza duttile per essere lavorato nelle forme che si vuole ma è altrettanto resistente per resistere nel tempo anche in condizioni avverse. E’ anche molto leggero, per cui realizzare un pergolato su un terrazzo non provoca problemi in quanto il peso che lo sbalzo del terrazzo deve sopportare è più che sicuro. Il legno è il materiale tradizionale dei pergolati, il materiale per eccellenza; se opportunamente trattato può essere più che resistente e duraturo nel tempo; non ha la duttilità dell’alluminio, ma la bellezza del legno è un ottimo motivo per l’uso di questo materiale.

Ferro e acciaio sono ovviamente i materiali più pesanti per la realizzazione di pergolati; sono materiali che vengono utilizzati per lo più per costruzioni all’aperto, dove il loro peso è più una sicurezza che un problema; l’acciaio è inalterabile, il ferro viene opportunamente trattato per evitare problemi di ruggine o ossidazione.

Questa la panoramica generale dei materiali che possono essere utilizzati per realizzare una struttura per pergolati; ovviamente le coperture vanno dal PVC, al legno lamellare e ai teli impermeabili. Tutto questo può essere vagliato all’atto della scelta, tenendo presente dove il pergolato deve essere installato, dello spazio, della pesantezza e dell’esposizione.

Fare questo da soli non è sempre consigliabile, lo è di più affidarsi a ditte, specializzate come BT Group, che da sempre sono impegnate in questo lavoro: l’esperienza e la professionalità sono sempre la scelta migliore.

(Visited 23 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *