Come trovare lavoro in Canada

lavoro in canada

Volete trovare lavoro in Canada? Scoprite le origini storiche di questo affascinante paese che ha fatto dell’immigrazione da tutto il mondo il suo cavallo di battaglia e di sviluppo.

Il Canada è il secondo paese più grande al mondo per area (dopo la Russia), occupa circa i due quinti settentrionali del continente nordamericano.

Nonostante le grandi dimensioni, il Canada, è uno dei paesi più scarsamente popolati del mondo. Questo fatto, unito alla grandiosità del paesaggio, è stato centrale nel senso dell’identità nazionale canadese. Sebbene i canadesi siano relativamente pochi di numero, hanno realizzato quella che molti osservatori considerano una società multiculturale modello, che accoglie le popolazioni immigrate di ogni altro continente. Inoltre, il Canada ospita ed esporta una ricchezza di risorse naturali e capitale intellettuale pari a pochi altri paesi al mondo.

Quali furono le origini storiche di questa Nazione, così vicina agli Usa, ma nello stesso tempo così diversa?

Quando gli europei esplorarono il Canada trovarono le sue regioni abitate da popolazioni native, che chiamarono “indiani”, convinti di aver raggiunto le Indie Orientali. I nativi vivevano di caccia, raccolta e agricoltura. La regione di Huron-Wendat dei Grandi Laghi era popolata dagli Irochesi, che erano agricoltori e cacciatori. I Cree e i Dene del nord-ovest erano cacciatori-raccoglitori. I Sioux erano nomadi e seguivano i bisonti. Gli Inuit (eschimesi) vivevano ai confini della fauna selvatica artica. I nativi della West Coast conservavano il pesce essiccandolo e affumicandolo.

La guerra tra tribù native era comune in quanto queste genti combattevano spesso per la terra, le risorse e il potere.

L’arrivo di commercianti, missionari, soldati e coloni europei cambiò per sempre il modo di vivere dei nativi. Ad esempio, un gran numero di essi è morto a causa delle malattie portate dagli europei, contro le quali non avevano difese immunitarie. Tuttavia, indiani ed europei strinsero forti legami economici, religiosi e militari, che nei primi 200 anni di coesistenza hanno posto le basi del futuro Canada.

La storia del Canada è dunque una storia coloniale.

L’esploratore norreno Leif Eriksson probabilmente raggiunse le coste del Canada (Labrador o Nuova Scozia) nel 1000 d.c., ma i gravi sforzi di colonizzazione iniziarono nel 1497, quando John Cabot, un italiano al servizio di Enrico VII d’Inghilterra, raggiunse Terranova e la Nuova Scozia. Il Canada fu scoperto per i francesi nel 1534 da Jacques Cartier.

Tra il 1534 e il 1542, Jacques Cartier fece tre viaggi attraverso l’Atlantico, rivendicando la terra per il re Francesco I di Francia. Cartier sentì due guide native pronunciare la parola irochese “kanata”, che significa “villaggio”. Entro il 1550, il nome del Canada iniziò ad apparire sulle mappe.

L’attuale insediamento della Nuova Francia, come veniva allora chiamato, iniziò nel 1604 a Port Royal nell’odierna Nuova Scozia; nel 1608 fu fondata Québec.

Gli sforzi della colonizzazione francese non ebbero molto successo, ma gli esploratori francesi alla fine del XVII secolo erano penetrati oltre i Grandi Laghi nelle praterie occidentali e a sud lungo il Mississippi fino al Golfo del Messico. Nel frattempo, era stata fondata nel 1670 l’inglese Hudson’s Bay Company.

A causa della preziosa pesca e del commercio di pellicce si sviluppò un conflitto tra Francia e Inghilterra; nel 1713, Terranova, Hudson Bay e Nova Scotia (Acadia) furono conquistate dall’ Inghilterra. Durante la guerra dei sette anni (1756-1763), l’Inghilterra estese la sua conquista a molti territori canadesi e il generale britannico James Wolfe vinse la sua famosa battaglia contro il generale Louis Montcalm fuori Quebec il 13 settembre 1759. Il trattato di Parigi del 1763 conferì all’Inghilterra il controllo sul territorio francese.

A quel tempo la popolazione del Canada era quasi interamente francese, ma nei decenni successivi, migliaia di coloni britannici emigrarono in Canada dalle isole britanniche e dalle colonie americane.

Nel 1849 fu riconosciuto il diritto del Canada all’autogoverno. Nel 1869, il Canada acquistò dalla Hudson’s Bay Company il vasto medio ovest (Rupert’s Land) da cui in seguito furono formate le province di Manitoba (1870), Alberta (1905) e Saskatchewan (1905). Nel 1871, la Columbia Britannica si unì al dominio e nel 1873 seguì l’isola del Principe Edoardo. Il paese fu collegato da costa a costa nel 1885 dalla Canadian Pacific Railway.

Con lo Statuto di Westminster nel 1931 i domini britannici, incluso il Canada, furono formalmente dichiarati nazioni partner con la Gran Bretagna, “uguale nello stato, in alcun modo subordinati l’uno all’altro” e legati solo dalla fedeltà a una corona comune (Commonwealth).

Lavoro: visto per Canada

Se volete andare a lavorare in Canada avrete bisogno di un visto e di un permesso di lavoro, che spesso è differente a seconda del tipo di lavoro che svolgerete: lavoro temporaneo? Uomo d’affari? O studente lavoratore? Se siete giovani sappiate che esiste un programma chiamato International Experience Canada dedicato a questa categoria di lavoratori.

Troverete tutte le informazioni burocratiche in merito al tipo e ai permessi di lavoro, ai requisiti e adempimenti richiesti ai cittadini stranieri sul sito dell’Immigrazione canadese: https://www.canada.ca/en/immigration-refugees-citizenship/services/work-canada.html

(Visited 7 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *