Differenze tra Prima e Seconda Guerra Mondiale

Spesso gli storici usano dire che la più grave conseguenza della prima guerra mondiale, la sua vera eredità, fu il secondo conflitto mondiale. Ed è vero se pensiamo che sulla propaganda relativa alla pace cartaginese imposta a Versailles è fiorito il primo malcontento tedesco, che portò Hitler al tentato colpo di stato di Monaco del 1923. Ma in verità, la Repubblica di Weimar, grazie agli aiuti americani (contrari alla soluzione dura imposta dalla Francia) si stava riprendendo e la denuncia del trattato non era certamente all’ordine del giorno del legittimo governo repubblicano. Anche in Italia il Fascismo, assorbita la fase rivoluzionaria o reazionaria se preferite, aveva posto nel cantuccio le rivendicazioni sulla vittoria mutilata e si era apprestato a dare un’impronta conservatrice al nuovo regime, costruendo dei ponti diplomatici con Gran Bretagna e Stati Uniti, a discapito delle posizioni della Francia. Ma questo soprattutto in ordine alle aspirazioni colonialiste, che dovevano sfociare nella guerra di Etiopia.

In definitiva seppur gravi, le conseguenze della prima guerra mondiale erano state assorbite. La situazione precipitò per due motivi: innanzitutto per la grande crisi del 1929. I finanziamenti alla Germania di Weimar dipendevano in buona parte dalle banche americane, che gravate dalla crisi finanziaria cessarono di elargirli favorendo l’esplosione inflativa, la disoccupazione e il recesso dei primi anni ’30. Questi in parte furono gli ingredienti che favorirono l’ascesa al potere di Hitler, che tuttavia aveva un programma avanzato di rivendicazioni militari e politiche. Per cui la vera causa dello scoppio della seconda guerra mondiale dev’essere ascritta al carattere aggressivo e militarista del partito hitleriano.

dresdenA differenza della Prima Guerra la Seconda fu molto più violenta e totale: essa coinvolse i civili come i militari e le perdite furono abbondanti soprattutto tra i primi a causa della sperimentazione e dell’uso di armamenti sempre più potenti e sofisticati. Lo sviluppo dell’aviazione militare fu decisivo nel produrre morti nelle città: i bombardamenti nazisti di Londra, Rotterdam e Amsterdam erano semplici azioni terroristiche basate proprio sul terrore, produrre paura e sconcerto nelle file avversarie, soprattutto nella popolazione non presente al fronte. Ma fu una guerra totale anche perché le intere risorse delle nazioni furono messe al suo servizio: mentre milioni di uomini erano al fronte, milioni di donne li sostituivano nelle fabbriche. L’economia tradizionale fu convertita in economia di guerra, le nazioni misero tutto quello che avevano di proprio e anche di altrui (come dimostrano le politiche di aiuto militare degli Stati Uniti nel biennio 1939-1941 e anche successivamente) per combattere il nemico, non risparmiando in nessun settore. In Germania l’industria degli armamenti raggiunse numeri spettacolari per la capacità organizzativa e produttiva e fu solo quando gli Stati Uniti raggiunsero il picco di produzione di aerei, navi e carri armati, che le cose iniziarono a cambiare. Anche la società civile, l’alta borghesia, gli intellettuali furono chiamati a raccolta ognuno per la propria parte. Ci fu una vera e propria sfida tra i più grandi cervelli del mondo a chi riuscisse a progettare sistemi d’arma sempre più micidiali, fino ad arrivare alla corsa all’atomica, che vide protagonisti degli autentici geni della specie umana, lavorare uno contro l’altro per creare l’arma più distruttiva.

Insomma, mentre la Prima Guerra Mondiale, pur col suo carico di morte e lutti, rimase confinata ai fronti, dilaniati dalle mitragliatrici, la Seconda fu guerra totale e di movimento, dove nessuno poteva considerarsi al sicuro. Fu guerra devastante, di consumazione e di annientamento, fatto anche su basi razziali, come dimostra il genocidio contro gli Ebrei, perpetrato in Germania e nei territori occupati. Una guerra talmente efferata da aver provocato più di 60 milioni di morti.

Scheda riassuntiva:

Differenze nelle armi: durante la prima guerra mondiale l’artiglieria da campo era fissa, usata nelle trincee e contro le trincee nemiche per bombardare pesantemente le postazioni nemiche prima di un assalto. Ad esempio, a Caporetto gli austro-tedeschi fecero precedere l’avanzata da un vasto fuoco di artiglieria di diverse ore, che spezzò le prime difese italiane. Nella seconda guerra mondiale, l’artiglieria viene impiegata spesso su mezzi semoventi nel campo di battaglia, a seguito delle truppe di fanteria, su speciali mezzi cingolati e a ruote.

Il carro armato: quest’arma è la protagonista della seconda guerra mondiale, nella prima guerra invece arriva troppo tardi e non si capisce nemmeno come usarlo. Nel conflitto 1939-1945 è il grande protagonista delle invasioni. Nascono anche le armi anticarro, fondamentali  per bloccare le avanzate delle divisioni corazzate.

La logistica e i vettovagliamenti:
nel 1914-1918 i cavalli erano ancora indispensabili per portare rifornimenti al fronte, insieme ai treni. Nella seconda guerra invece la meccanizzazione è completa e vengono impiegati camion, moto, aerei, cargo e jeep.

L’aeronautica e i bombardamenti: nella prima guerra mondiale abbiamo l’epoca eroica dell’areonautica militare. I piloti sono celebrati come “assi” del cielo; si assiste più a sfide individuali, non ci sono bombardieri, ma solo caccia. Venivano usati dei dirigibili con funzioni di avvistamento e sorveglianza, ma erano facile preda dell’artiglieria nemica. Nella seconda guerra mondiale, stormi di caccia scortano invece i bombardieri: nel cielo i caccia si affrontano per mantenere la superiorità aerea, I bombardamenti strategici sui civili sono la normalità. Per cui la popolazione civile viene coinvolta anche quando è distante dai campi di battaglia.

Le tattiche di guerra: nella prima guerra mondiale i Tedeschi pensavano di poter avanzare rapidamente dal Belgio a Parigi, sacrificando la neutralità belga e scatenando la reazione inglese. Ma contavano sullo sfondamento della fanteria tedesca, considerata la più forte e meglio armata del continente. Contrariamente alle aspirazioni del Kaiser, l’avanzata tedesca si arenò quasi subito, dando luogo alla guerra di posizione in trincea nella quale le linee nemiche si arenano per anni, mandando al massacro milioni di soldati per guadagnare pochi chilometri. Non è un caso che gli Alleati vincano per l’esaurimento delle forze dei Tedeschi e degli Austriaci, non per una vera disfatta militare degli avversari.

Nella guerra del 1939-1945 invece i Tedeschi riescono a ottenere sul terreno ciò che si aspettavano sulla carta: una veloce affermazione in ogni fronte, sfruttando le incursioni delle divisioni corazzate e meccanizzate. La strategia è quella della “guerra lampo” o “blitzkrieg”: divisioni di carri armati leggeri, ma veloci, si incuneano nel territorio nemico, scompaginando le linee e permettendo veloci manovre di aggiramento. I Tedeschi riusciranno a sfruttare questa strategia fino alla campagna di Russia (Seconda Battaglia di Kharkov) nel 1942. Le tattiche dello sfondamento a cuneo verrà ripresa anche da generali americani come Patton e nel periodo moderno dall’esercito israeliano nella Guerra dei Sei Giorni (1967).

L’ideologia: nella prima guerra mondiale si combatteva per il primato in Europa, tra grandi nazioni europee. Il militarismo tedesco è alla base dell’attacco germanico. I governanti tedeschi pensavano che lo status quo tra le potenze, non rispecchiasse i reali rapporti di forza. In effetti, nel 1914 la Germania era la seconda potenza economica del mondo dopo gli USA, prima in settori fondamentali come la chimica, l’industria siderurgica e quella meccanica.  Inghilterra e Francia combattevano per mantenere la loro posizione di predominio. L’Italia per affermare il suo diritto alle terre irredente e completare il Risorgimento.

Nella Seconda Guerra Mondiale invece ci fu uno scontro totale ideologico. Da un lato le democrazie occidentali, all’altro i regimi totalitari. Per Hitler la guerra era totale per definizione, coinvolgeva tutto il popolo tedesco, con le sue presunte aspirazioni. Non è un caso che queste ideologie estreme abbiano condotto a tragedie assurde come l’Olocausto, semplicemente obbedendo alla cieca ideologia nazista. Il fascismo si proponeva come Terza Via tra capitalismo e socialismo, ma alla fine fu sconfitto duramente dall’alleanza tra URSS e Angloamericani.

(Visited 3.483 times, 3 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *